Taccuino

Berlino, 1 maggio 2011

La mia fotografia

Sono ormai 45 anni che mi diletto di fotografia. E per fotografia intendo soprattutto quella classica in bianco e nero. Per me la fotografia è un mezzo straordinario e immediato per esprimere le mie impressioni e le mie emozioni davanti al mondo che mi circonda. 
Già Schopenhauer affermava che lo scopo dell’arte consiste nel trovare una risposta alla domanda: „Che cos’è la vita?“ E che un’opera d’arte autentica e riuscita suggerisce all’osservatore che le sta davanti:„guarda, questa è la vita.“ Ciò vale soprattutto per la fotografia, che affronta il tema della vita in modo diretto e specifico, registrando la realtà spaziale e temporale in cui si muove l’uomo nel suo continuo divenire. 
E passando da Schopenhauer a Cicerone, il quale definiva l’oratore ideale colui che parlando riesce a informare, dilettare e commuovere l’uditorio (Optimus est enim orator qui dicendo animos audientium et docet et delectat et permovet). Lo stesso dovrebbe fare il fotografo con le sue immagini: suscitare nell’animo dell’osservatore delle piacevoli sensazioni. 

*****************************************************

Berlino, 30.06.2011

Le mie belle

La maggior parte delle foto in bianco e nero del mio sito sono state scattate con queste macchine, che sono ancora perfettamente funzionanti. Le due Leica IIIf,  la Rolleiflex biottica e la Gevabox risalgono agli anni 50, mentre la Rolleiflex SL66 risale al 1966. Quando vado in giro mi porto sempre una Leica, mentre le due Rolleiflex le uso in interni per il ritratto e il nudo. 

                                                         ***********************

Berlino, 31 dicembre 2013

40 anni di passione…fotografica

Sono passati quarant’anni da quella bella estate del 1973, quando m’imbattei in questa macchina fotografica. 

In questi giorni di fine anno ho fatto l’inventario del mio archivio fotografico. Ho scattato più di 1.350 pellicole in bianco e nero e a colori, che corrispondono a circa 50.000 negativi del formato 135. A ciò si aggiungono i 1.598 negativi lasciatimi da Eligio Deplano e 1.272 negativi che ho raccolto nei mercatini delle pulci. In più ci sarebbero i negativi 9×12 che sto usando per comporre nature morte con una di queste macchine professionali. 

                 *********************************************************