INCONTRI SEUESI DI FOTOGRAFIA

Gl’incontri sono aperti a tutti gli appassionati di fotografia che vogliano andare oltre la banalità dei selfie e intendano approfondire l’arte fotografica sia digitale che analogica. Durante gl’incontri è possibile presentare le proprie foto per farle analizzare e discutere tenendo presenti le opere dei Classici della fotografia e i precetti di una poetica fotografica che ha molto in comune con la creatività letteraria.

 Gli stessi principi estetici propugnati da Aristotele nella sua Poetica, da Orazio nell’Epistula ad Pisones, da Pseudo-Longino nel suo trattatello Del Sublime e da Quintiliano nel libro X della sua Institutio Oratoria valgono anche, mutatis mutandis, per la fotografia.

Per diventare un buon scrittore bisogna studiare assiduamente e assimilare i Classici della letteratura. Lo stesso vale per la fotografia.

Tra i Classici della fotografia annovero soprattutto Edward Weston, André Kertesz, Willy Ronis, Robert Doisneau, Henri Cartier-Bresson e Brassaï. Di questi autori si tratterà ampiamente durante gl’incontri che avranno luogo dal 1 al 9 agosto prossimi presso la sede dell’archivio fotografico.

Chi fosse interessato a partecipare attivamente è pregato di portare con sé ogni volta le foto più espressive che ha scattato nel formato digitale per essere proiettate su un grande schermo.

Ma lo scopo principale di questi incontri è anche quello d’invitare i fotoamatori di tutto il mondo a venire a Seui per fotografare la bellezza del paese e del territorio, premiando le loro foto più belle e contribuendo così ad affollare il paese di turisti che contribuiscano al benessere e alla rinomanza del paese.